Disattivare la funzione Multisito o Network in WordPress

La funzione di WordPress multisite è interessante e può tornare utile, ma in molti casi sono più gli svantaggi che i vantaggi, uno su tutti l’impossibilità di utilizzare alcuni plug in che risultano non essere compatibili con questa funzione. Molti dei plug-in indispensabili per WordPress potrebbero essere inutilizzabili in questa modalità? Come può essere utile una funzione che rende wordpress difficile da gestire in un punto di forza che sono proprio i moduli?

Se ti ritrovi ad aver provato a aver messo mano ad un sito in cui è stato attivato il multisite e hai preso la decisione di disattivarlo è possibile farlo ed occorre fare le seguenti operazioni:

Primo su tutti il backup, non mettere mai mano alle funzioni di wordpress senza prima fare una copia dei file e cosa importante anche del database e aggiungo un altro tipo di backup che nessuno segnala o ricorda ma che prima o dopo ti può dare problemi, quando fai il backup assicurati che venga inserito tra i file il file .htaccess che è nella cartella iniziale del sito, copiando i file non sempre viene salvato e l’unico modo quindi per tenerne copia è aprirlo e salvare in un file di testo il suo contenuto per eventualmente rigenerarlo .

Ricordate di prendere nota dei plugin attivi perchè durante il cambio verranno tutti disattivati.

Editare il file wp-config.php ed eliminare dove presenti le seguenti righe, alcune potrebbero non essere presenti, ovviamente alla voce  “miosito.it” troverete il vostro URL.

/* Multisite */
define( ‘WP_ALLOW_MULTISITE’, true );
define(‘MULTISITE’, true);
define(‘SUBDOMAIN_INSTALL’, false);
define(‘DOMAIN_CURRENT_SITE’, ‘miosito.it’);
define(‘PATH_CURRENT_SITE’, ‘/’);
define(‘SITE_ID_CURRENT_SITE’, 1);
define(‘BLOG_ID_CURRENT_SITE’, 1);

 

Ripristinate nel file .htacces la seguente situazione standard per wordpress.

 

# BEGIN WordPress
<IfModule mod_rewrite.c>
RewriteEngine On
RewriteBase /
RewriteRule ^index\.php$ – [L]
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
RewriteRule . /index.php [L]
</IfModule>
# END WordPress

 

Riattivate i plugin che dovrebbero risaltare disattivati .

Ricordate che se avevate inserito un redirect da http ad https dovete reinserirlo e quindi aggiungere all’inizio di htaccess questo o il vostro codice di redirect che usavate

RewriteEngine On
RewriteCond %{HTTPS} off
RewriteRule ^(.*)$ https://%{HTTP_HOST}%{REQUEST_URI} [L,R=301]

 

Ecco tutto provate ogni cosa se funziona e avrete il vostro multisite disattivato !

 

 

 

 

Come Reindirizzare da HTTP verso HTTPS usando htacess

Ottenere un certificato SSL gratuito per il proprio sito

HTTPS è il protocollo per gestire in modo sicuro su una rete di computer le comunicazione tra server e client ed è ampiamente utilizzata sul web.

Quali sono i motivi per passare da http ad https ed implementare quindi il protocollo SSL sul proprio sito internet?:

  • Google ha annunciato che i siti che utilizzano HTTPS otterranno un leggero aumento del fattore di ranking nelle ricerche di Google.
  • È possibile ottenere prestazioni migliori con il nuovo protocollo HTTP/2 che richiede HTTPS per l’utilizzo.
  • HTTPS è più sicuro e i dati dei vostri visitatori sono totalmente crittografati.
  • HTTPS può generare fiducia abilitando il lucchetto verde nella barra degli indirizzi del browser è molti visitatori si sentono più sicuri nel navigare il vostro sito, specialmente se devono inserire dati o commenti sulle pagine .

Detto questo passiamo ad uno dei “problemi”, come reinderizzare chi visita la vecchia versione http alla più sicura https?

Ci sono molti modi che necessitano di avere il pieno controllo del vostro server e non sempre questo è possibile, per cui basta una semplice direttiva da inserire nel file .htacces per ottenere il medesimo effetto, per farlo basta editare il file ed inserire nella prima riga in modo da precedere tutte le altre direttive le seguenti linee di codice:

RewriteEngine On
RewriteCond %{HTTPS} off
RewriteRule ^(.*)$ https://%{HTTP_HOST}%{REQUEST_URI} [L,R=301]

Fatto questo fate una prova per verificare il funzionamento, se non funziona provate a cancellare la cache del browser o visitare il sito aprendo il browser in modalità anonima, e magari visitate qualche altra pagina del vostro sito, se ancora non funziona riprovate nuovamente a cancellare la cache o visitare il sito in modalità anonima

Se ancora non funziona potreste dovervi rivolgere al vostro provider per chiedere se è abilitata la possibilità di usare il file .htaccess sul vostro spazio web. Potrebbero aver disabilitato questa opzione e quindi il server ignora ogni direttiva inserita “a valle”.